Accueil >F.Leger > le musée et ses collections >Collezione > Les années 40, la période américaine > I quattro ciclisti, 1943-1948

I quattro ciclisti, 1943-1948

I quattro ciclisti, 1943-1948
Olio su tela
129 x 161,5 cm
Donazione Nadia Léger e Georges Bauquier
Museo nazionale Fernand Léger Inv. 98005

Esiliato negli Stati Uniti durante la Seconda Guerra mondiale, Fernand Léger insegna presso l’università di Yale quindi presso il Mills College. Vi incontra giovani studentesse che indossano vestiti non conformistici dai colori chiassosi ai quali il pittore si ispirerà per realizzare una serie di disegni e quadri intitolata I Ciclisti. « Il cattivo gusto, i colori vivaci possono sfoggiare qui il proprio potere… se avessi visto qui soltanto ragazze vestite con gusto, non avrei dipinto la mia serie dei ciclisti». Fedele alla sua concezione della «figura oggetto»  il pittore immortala i ciclisti con le loro biciclette da corsa in una posa frontale. I colori distribuiti liberamente sulla tela animano lo spazio ridotto del quadro. Fernand Léger ha osservato, numerose volte, questo effetto di colorazione particellare nelle vie di New York sotto le pubblicità lampeggianti. Il pittore spiega: «Siete là, parlate con qualcuno, e a un tratto diventa blu. Poi il colore passa, ne arriva un altro, diventa rosso, giallo. Questo colore, la luce dei proiettori, del neon, è libero: è nello spazio. Ho voluto fare la stessa cosa nei miei quadri». La tecnica dei colori che fuoriescono dai tratti, liberamente distribuiti, è stata sperimentata per la prima volta da Fernand Léger in questa opera iniziata nel 1943 negli Stati Uniti e terminata nel 1948 dopo il suo rientro in Francia come ciò viene indicato accanto alla sua firma.
Les oeuvres de la même collection