Accueil >F.Leger > le musée et ses collections > Fernand Léger, biografia > 1881-1917 : Dalla nascita al combattimento. L’effervescenza cubista

Fernand Léger

(1881, Argentan – 1955, Gif-sur-Yvette)

Figura di spicco dell’arte moderna, Fernand Léger è un pittore francese le cui opere, ricche e coerenti hanno attraversato tutta la prima metà del XX secolo.

1881-1917

Dalla nascita al combattimento. L’effervescenza cubista

Dalla nascita al combattimento. L’effervescenza cubista
Nulla predestinava Fernand Léger, figlio di un allevatore normanno di buoi, a diventare una figura di spicco dell’avanguardia parigina. Studente mediocre ma eccellente disegnatore, lavora come apprendista presso lo studio di un architetto a Caen.
A 19 anni, si trasferisce a Parigi e frequenta come allievo uditore i corsi del pittore Gérôme, presso la Scuola delle Belle Arti. Nel 1907, anno decisivo per Fernand Léger, si installa a la Ruche nell’effervescenza artistica del quartiere Montparnasse dove allaccia legami d’amicizia con Robert Delaunay, Marc Chagall, Blaise Cendrars…
Influenzato dalle riflessioni di Cézanne, si accosta, pur inventando un suo proprio stile, alle ricerche formali di Picasso e Braque, da cui, proprio in quegli anni, scaturiscono il cubismo. Per trascrivere il dinamismo della sua epoca, sviluppa una pittura basata sui contrasti delle forme e dei colori, chiave di volta della sua estetica che nessuna ulteriore evoluzione potrà mai rimettere in causa.
Espone le proprie creazioni presso il  Salon d’Automne et des Indépendants e prende parte al gruppo La Section d’Or. Nel 1913, il mercante d’arte Daniel-Henry Kahnweiler gli propone un contratto d’esclusiva.
La sua partenza per la guerra nell’agosto del 1914 segna una rottura brutale. Mobilitato, fa il barelliere sul fronte delle Argonne e realizza numerosi disegni di guerra su supporti di fortuna. Intossicato dai gas a Verdun, è ricoverato in ospedale e poi riformato nel 1917.